NEWS LETTER MAGGIO GIUGNO 2011

Log Info bleu ATTUALITA DEL MESE

A corollario della news letter di maggio, il Progetto Phoenix propone una descrizione del’oasi di Gabes in Tunisia, con un reportage ed un articolo, ed anche qualche notizie sulle ricerche condotte con i nostri partners, a Djibouti, in Italia e nel Maghreb.
 
REPORTAGE :  il palmeto di Gabès (Tunisia)
IL PALMETO DI GABES
Mohamed BENSALAH
 
Le oasi tunisine della regione di Gabès si estendono su una superficie di circa 7000 ha. Si tratta del più importante raggruppamento di oasi litoranee del Mediterraneo. Tra queste il palmeto di Gabes è il più vasto. Occupa circa 700 ettari con 300.000 palme da datteri, distribuite tra una dozzina di siti (Chenini, Nahal, Jara, Menzel, Chott Essalam, Bou Chemma Zrig, Menara e Teboulbou).
Queste oasi sono ripartite lungo un fiume mediterraneo (un oued), che accompagna il rilievo degradante e dolce delle colline Matmata (distanti una trentina di chilometri a volo d’uccello e che le proteggono dal deserto), fino al mare …/…

logo sommario
1. PRESENTAZIONE
2. STORIA
3. DESCRIZIONE
4. BIBLIOGRAFIA
 
logoLivrefixe Leggere l'articolo

logo inbreve
 
DJIBOUTI
A Djibouti opera uno specialista delle palme, Nabil Mohamed Ahmed che è stato appena  nominato "Ministre de l'Enseignement Supérieur et de la Recherche". Nabil Mohamed Ahmed dirige il CERD, un laboratorio specializzato in biotecnologie vegetali che lavora con l’IRD, ed è partner del Progetto Phoenix.
 
FIORIMAR
Attraverso l’Accademia delle Palme e del Paesaggio, il Centro Studi e Ricerche per le Palme è partner nella stesura di un progetto di gestione ecocompatibile delle aree verdi del Parco Costiero Riviera dei Fiori. Il progetto è promosso dal Comune di Sanremo, che si avvale della collaborazione di Istituti di Ricerca e diverse Università italiane. L'obiettivo di Fiorimar è ricostruire una vegetazione strettamente legata all'ambiente costiero, utilizzando specie autoctone e naturalizzate in grado di vegetare senza irrigazione artificiale. In questo contesto si aprono ampi spazi per la Chamaerops humilis,  palma autoctona del Mediterraneo occidentale, particolarmente adatta a colonizzare ambienti rupestri lungo il mare.
 
MODELLIZZAZIONE
Video sulla modellizzazione delle piante sviluppato a Montpellier (Francia) da Arnaud LANGLOIS, per conto dell'INRA. Il Progetto Phoenix, per quanto concerne le palme, partecipa a questo progetto come partner nell'ambito del programa MOCAF-EUROMED. Il CRA di Sanremo è partner per il settore delle piante aromatiche.
Log Info bleu Piu informazione sulla modelizzazione delle palme

Print Friendly
Questa voce è stata pubblicata in OASIS. Contrassegna il permalink.